Blog Dedicato Al Mondo Dell' Horror
maxresdefault
The Screecher – Don’t Starve Mod
lunedì, aprile 28th, 2014

Proprio oggi, preso da una voglia di non so che (chiamata NOIA) mi so imbattuto in una simpatica offerta su Steam, ovvero, Don’t Starve + espansione in offerta a otto euro.

Per chi non conoscesse il titolo (come me poche ore fa), Don’t Starve riprende i caratteri decisi di un Survival aggiungendo caricature simil cartoonesche in un grottesco esplorativo misto a crafting selvaggio e come da titolo il gioco in se propone una ambientazione ostile dove vivere e morire (MORIRE) sarà scandito da decisioni lampo, uso ottimale delle risorse e una botta di culo notevole.

dont-starve-underground

Ma non sono qui a parlarvi del gioco di per se, che ovviamente consiglio agli amanti del survival ma che non contiene nessun elemento horror (tranne mostri, creature demoniache e una strana sensazione di Shining che ti da il titolo dopo qualche giorno in game (mangereste pure il vostro animaletto domestico dalla foga di restare tre minuti in più in vita).

Nel variopinto panorama delle mod (Dio sia lodato) il titolo della casa Klei Entertainment abbona sin dal primo avvio una rivisitazione in chiave Horror (Jump Scare) della durata complessiva di una mezz’oretta in cui ritroveremo le stesse ambientazioni del gioco principale riproposte e adattate ad un pubblico adulto (passando ovvero dal cartoonesco gotico ad uno Slendermen dei poveri) tutto studiato per essere giocato e apprezzato con una fugacità disarmante, un mordi e fuggi degno di questo nome.

La trama è semplicissima: Bill Moran e fidanzata (Sarah) sono una coppia di giovani amanti della natura e delle sfide che essa offre. Durante la loro ultima escursione al campo Pillet Creek (data 9/01/86) la giovane coppia ode nella notte strani ululati; Bill venuto poi a sapere della scomparsa di numerose coppie (in particolare di una giovane coppia di Brasiliani arrivati come loro via elicottero) si decide ad indagare lasciando, saggiamente, Sarah da sola e nel buio della notte.

14/01/86, dopo una serie di giorni di ricerche pure Bill scompare e Sarah presa dal panico lascerà al fidanzato una serie di note scritte su fogliettini volanti (spesso zuppi d’acqua o pesticciati) invitandolo a recarsi all’elicottero il prima possibile.

The_screecher_buildOvviamente dopo questi eventi (narrati) prenderemo le redini di Bill e in poco meno di mezz’ora saremo catapultati nel mondo degli ululanti, creature grottesche e sanguinarie che odiano la luce e sbranano i malcapitati che girano nella foresta. Con Bill sempre più impaurito per la sorte della fidanzata ci troveremo ad incontrare vari personaggi del campo (scopriremo nomi e ruoli solo indagando nei loro accampamenti o corpi) in un turbinio di jumpscare e fuga alla Slendermen (ci sono pure 9 tracce da trovare per capire che fine ha fatto Sarah).

Muniti di torcia e di una mappa (da aggiornare) dovremmo muoverci da campus a campus studiando bene quando e come accendere la torcia e parsimoniando sul suo utilizzo in quando se scarica e se a corto di pile moriremo (simile a quando nel gioco principale rimaniamo troppo al buio di notte e “Charlie” ci viene a far visita).

Il gioco si sviluppa su una visione prospettica della testa d Bill (mai inquadrata) in un gioco si bidimensionale ma a scorrimento e con visuale in terza persona che ricorda i vecchi esplorativi su PC degli anni novanta.

7/10 ottima mod e un paio di urla te le tira via… da provare se acquisterete Don’t Starve

php comments_template()